Abruzzo: la regione dei Parchi

  • slidebg1
  • slidebg1
  • slidebg1
  • slidebg1
Alla scoperta dell'Abruzzo

Una località turistica di mare la si sceglie per rilassarsi in spiaggia, ma Giulianova offre molto di più di una vacanza al mare.

E’ infatti circondata dai magnifici parchi d’Abruzzo, tra i più vicini il Parco Nazionale del Gran Sasso e quello della Majella, oltre alle spettacolari grotte visitabili che offrono spettacoli di roccia e calcare, come le grotte di Stiffe e le grotte del Cavallone, che Gabriele d’Annunzio ha reso immortali nei suoi versi.

Percorsi consigliati per scoprire il territorio della provincia di Teramo e del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga: Giulianova Alta, Teramo, Tortoreto Paese, la Rocca di Civitella, Campli, Castelli, Isola del Gran Sasso e altri ancora.

Atmosfera d'Abruzzo

L’Abruzzo: una terra da scoprire!

  • slidebg1
  • slidebg1
  • slidebg1

Questa meravigliosa regione (il cui suolo protetto supera il 30%) ospita 3 parchi nazionali (Abruzzo, Gran Sasso, Majella) ed anche un parco regionale (il Sirente Velino).
L'Abruzzo è una fantastica regione d'Italia che viene soprannominata "regione verde“ o “regione dei parchi” d’Europa.

Una volta conosciuta vi verrà certamente voglia di tornare, infatti il mare, l'ospitalità, l'ambiente, l'aria, la cultura e la gastronomia di questi luoghi non vi deluderanno mai!

Centotrenta chilometri di costa per tutti i gusti! Il litorale abruzzese, infatti, non si presenta come un tutto omogeneo, ampi arenili, scogliera alta e frastagliata, piccole calette, spiagge ghiaiose e, in alcuni tratti, addirittura selvagge.

Terra selvaggia, ricca di contraddizioni, l'Abruzzo concentra in pochissimo spazio la dolcezza del mare e l'asprezza della montagna, dove il tempo scorre tra un incredibile miscuglio di tranquilla vita contadina e città che vanno di fretta.

Ricette dall'Abruzzo

Il Brodetto Giuliese

  • slidebg1
  • slidebg1

Ingredienti: kg 3 (lordi) di: gallinella (mazzolina), razza, scorfano, palombo, sogliola, scampo, vongole, tracina

Avvertenza: nel Brodetto non sono codificate le varietà di pesci e le quantità. E’ un piatto determinato dal mercato; tutti i pesci concorrono in maniera utile, nessuno di essi in maniera indispensabile. Lo stesso principio vale per le quantità. Kg. 1,5 pomodoro maturo, ¼ di un peperone verde di media grandezza, 1 spicchio d’aglio, 1 ramo di prezzemolo, 1 dl olio extra vergine di oliva, Sale mezzo cucchiaino, 1 peperoncino (facoltativo), 8 fette di pane non molto fresco da tostare.

Utensili: una capiente padella di alluminio od un altrettanto capiente tegame di coccio od in sostituzione 4 tegami più piccoli, tutti con relativo coperchio. L’ alluminio è preferibile per la qualità della cottura, il coccio invece privilegia la tenuta della temperatura durante la degustazione del piatto. Noi usiamo entrambi.

Preparazione: soffriggere leggermente l’aglio triturato nell’olio ed aggiungere il pomodoro, il sale ed eventualmente il peperoncino. Unire le seppie tagliate a listarelle e dopo 4/5 minuti aggiungere i pesci a seconda delle loro dimensioni e caratteristiche. I pesci a carne più coriacea (scorfano, gallinella, palombo, tracina) per primi, gli altri successivamente. Per ultimi aggiungere i frutti di mare. Servire direttamente dal tegame guarnendo con il prezzemolo tagliuzzato ed il pane tostato.

Vino consigliato: Montepulciano d’ Abruzzo Cerasuolo.

Meritano una visita

  • slidebg1
  • slidebg1
  • slidebg1

GIULIANOVA PAESE
Le origini di Giulianova sono remote, i primi insediamenti romani risalgono al 290 a.C. Da vedere: la Chiesa di San Flaviano, la Chiesa di Sant’Antonio, la Biblioteca e Pinacoteca “V. Bindi”, il Santuario della Madonna dello Splendore e la Piazza del Belvedere.

TORTORETO ALTO
L’abitato sorge su un colle scosceso, in posizione panoramica sul mare. Da visitare: la Chiesa di Santa Maria della Misericordia, la Chiesa di San Flaviano.

TERAMO
La città ha origini antichissime , essendo abitata sin dai tempi preistorici. Da vedere: i 2 monumenti simbolo di questa città sono la Cattedrale (1158) ed il Teatro romano (30 a. C,). Da visitare inoltre ci sono il Museo civico, la Pinacoteca, il Castello della Monica, la Chiesa di Maria Santissima delle Grazie (1153) e la Chiesa di Sant’Antonio (1227).

ATRI
Sembra che la sua origine risalga agli Etruschi o sia legata alla colonia siracusana. Da vedere: la Cattedrale (XIII sec.), la Chiesa di Santa reparata, il Palazzo vescovile, il Teatro comunale e il Museo Comunale.

CAMPLI
Cittadina di origine preromanica, offre l’aspetto più caratteristico di un Abruzzo no contaminato dai nuovi tempi. Da visitare: il Palazzo Comunale – “Palazzo Farnese” (XIV sec.), la Chiesa di San Francesco d’Assisi (XIV sec.), la Chiesa di Santa Maria in Platea (XIV sec.), la Scala Santa.

CASTELLI
Castelli è ribattezata la “Patria della Ceramica”. Da vedere: Museo Civico delle ceramiche abruzzesi, l’Istituto d’Arte (dove si può ammirare uno splendido Presepe in ceramica), la Chiesa di San Donato con volta completamente maiolicata da tegole di ceramica.

CIVITELLA
La cittadina di Civitella del Tronto si trova arroccata su uno sperone roccioso nella Valle del Salinello. Fondata intorno al sec. X, Civitella rappresenta l’ultima fortezza borbonica. Da vedere: la Fortezza, la Chiesa di San Francesco, la Chiesa di San Lorenzo, il Palazzo del Conte dé Terme (sec. XIV).

SAN GABRIELE
Santuario di San Gabriele dell’Addolorata, il santo dei giovani, dei miracoli e del sorriso.

ASCOLI PICENO
Da vedere: Piazza del Popolo, Palazzo dei Capitani, Piazza Arringo, Ponte di Porta Maggiore, Ponte di Cecco, Cattedrale di Sant’Emidio.

Booking on line

Scegli le date e controlla
  • Controlla

Offerte Speciali & Last Minute

...

OFFERTA

SPECIALE AGOSTO - Kids on the beach!

I bimbi soggiornano gratis!

Vai all'offerta 
...

OFFERTA

INN SUITE

Per una notte sarete il Re e la Regina in una Suite da Favola!

Vai all'offerta 
 Torna
sopra